I CANI DI ATENE

Poem By Maarja Kangro

A Pláka, nei dintorni dell'Acropoli,
per non dire di altri posti,
ne girellano e dormono moltissimi.
Cani: grossi, gentili, cortesi.

Con l'entusiasmo degli scolari
traduciamo la lingua nota e profonda,
e faccio foto dei cani:
gialli, bianchi e neri.

"Non c'è nemmeno uno piccolo."
Ti accendi e brilli come uno scienziato:
"Tutti i piccoli sono già morti!"
E ti scintillano gli occhi azzurri.

Un tempo la mandorla era velenosa,
il pisello piccolino,
l'uomo un nano sanguinario!
O forse no?

Siamo più grandi degli antenati.
Ed estremamente gentili.
"C'è qualcosa di malinconico
in quei cani sopravvissuti."

"I cani gentili hanno mangiato gli altri?"
Ceniamo alla memoria
dei cinici (quelli veri)
e beviamo alla salute dei cani cortesi.

Comments about I CANI DI ATENE

There is no comment submitted by members.


Rating Card

5 out of 5
0 total ratings

Other poems of KANGRO

The doner

In a small bookstore
under the roof of a shopping mall,
looking for a gift,
I resorted to the silly habit

A Brief history of art

In the hot garden of the Peggy
Guggenheim Museum in Venice
stands a sculpture by Anish Kapoor,
a dark grey granite block.

An old lover

I'll go to the other hall
only for drinks, of course.
Oh, isn't that -! Oh, hello.
I observe his eyes, his neck,

Come into my cave, Matter!

On the manor house clad in scaffolding,
a flag is waving like a rag.
A national flag. Torn and shabby,
it doesn't care which nation it belongs to.

The dogs of athens

In Pláka, around the Acropolis,
not to mention elsewhere,
multitudes stroll and sleep.
Big dogs. Gentle, polite.

Asbestos

So, as a child, you say?
You jumped,
and the pile of Eternit cracked?
Blue sneakers, white chrysotile.

Rudyard Kipling

If