TUNNEL

Poem By Paolo Ruffilli

È all'improvviso,
dentro il tunnel
che non finisce mai,
nell'aria morta
che pizzica alla gola.
Tutte le volte
che ci sono già passato.
Eppure, no, non vale
che lo ricordi,
lo anticipi una sola.
Picchio nel muro
e lì mi rendo conto,
dentro il percorso
cieco e uguale
specchio di me
a una mia spoglia,
di ciò che è stato
di come, in fondo
e contro ogni mia voglia,
io sia cambiato.

Comments about TUNNEL

There is no comment submitted by members.


Rating Card

5 out of 5
0 total ratings

Other poems of RUFFILLI

Love

Thus, I suddenly
catch myself in the mirror
in a stifling embrace
while I project myself

Journey

I know what I have felt
again and again
and never has it been
something abstract

Tunnel

And all at once
deep in the tunnel
that goes on and on,
in the dead air

Whenever I Go

Then, at last
I get moving
notwithstanding
the urge to stay

Nowhere

How many times
have I left
before daybreak or
at dead of night

Desire

I think of myself
whose hand caresses
the willing body
lying open to any assault

Roald Dahl

Television